Social Networks

Facebook Twitter FriendFeed YouTube Flickr

Archivio articoli

Torna al sito

Sito Web

Categorie

Il volo dell’aquila

Ho ricevuto da un amico qualche tempo fa, un bellissimo testo dello scrittore brasiliano Affonso R. Dell'Anna, con questa introduzione:

aquila 2

L’aquila è l’unico uccello che arriva ai 70 anni. Ma perché ciò accada, intorno ai 40, deve prendere una decisione seria e difficile.

 

 A quest’età i suoi artigli sono lunghi e flessibili e non riescono più ad afferrare le prede di cui si nutre. Il suo becco, allungato ed appuntito, si incurva. Le ali, invecchiate ed appesantite dalle penne ingrossate, puntano contro il petto. Volare è ormai difficile.

 

In questo momento cruciale della sua vita, l’aquila ha due alternative: non fare niente e morire oppure affrontare un doloroso processo di rinnovamento che durerà circa 150 giorni.

 

La nostra aquila ha deciso di affrontare la sfida: vola verso la cima della montagna e si rifugia in un nido vicino ad un dirupo, dove non avrà bisogno di volare. Lì comincia a sbattere il becco contro la roccia fino a strapparselo. Poi l’aquila aspetta che spunti un nuovo becco con il quale strapperà i vecchi artigli. Quando i nuovi cominciano a spuntare si mette a strappare le vecchie penne.                                                                                                   Solo dopo cinque mesi è pronta per il volo di rinnovamento e per vivere altri 30 anni.”

 

 

 

 Queste parole ( non propriamente fedeli alla realtà),  prendono spunto dalla vita dell'aquila

 

 

 

aquila

 

questo bellissimo e simbolico rapace, ma rappresentano  la metamorfosi a cui  ogni essere vivente deve sottoporsi per rigenerare gli elementi della propria esistenza

 

 

 

metamorfosi

 

 La vita spesso richiede una metamorfosi, una CRISI dal greco "cambiamento". Infatti, da Krisis abbiamo la matrice semantica di crisalide, metamorfosi dallo stato larvale a quello di adulto. Spesso, però, non siamo disposti a vivere il cambiamento, per paura del nuovo ma soprattutto perchè dobbiamo fare i conti con le nostre scelte o certezze,forse sbagliate.

 

Il cambiamento da operare nelle nostre esistenze può celare grandi sorprese se solo abbiamo  il coraggio di intraprenderlo!

 

 

 

esistenza 2

 

Mike

Tag:, ,

2 Commenti

  1. CommentsPietro Bagnulo   |  venerdì, 13 settembre 2013 at 10:59

    Ciao Mike. Bella la storia dell’Aquila. Per quanto mi riguarda, io ho abbandonato quelle che ritenevo “certezze” circa 7 anni fa. E’ da allora che é iniziato il mío processo di cambiamento che mi ha portato a conoscere nuove realta’ della vita. Oggi comprendo che non si puo’ vivere una vita decisa e strutturata in base a programmi di altri… bisognasolo scegliere… e quando si sceglie la liberta’ la vita cambia e si scopre un mondo nuovo..! Grazie del dono di questa storia dell’aquila. Con affetto, Pietro (é il mío nuovo nome del cambiamento).ciao.

  2. CommentsAlessia   |  martedì, 24 maggio 2016 at 10:17

    Ciao questa leggenda la trovo bellissima ne suggerisco un’altra sempre indiana I CIECHI E L’ELEFANTE sul valore del dialogo e dello scambio tra le persone;

Lascia un messaggio






Home / Il volo dell’aquila