Il pensiero comune sull’acqua che beviamo è quello che i nostri acquedotti trasportino acque inquinate e quindi imbevibili, dirottando i consumi esclusivamente o quasi verso l’acqua imbottigliata, “meritevole” perché derivante da fonti termali o miracolose